La macchina del caffè manuale

La macchina da caffè manuale, nota anche come macchina a pistone o a leva, è il metodo più tradizionale per fare l’espresso.

Il funzionamento della macchina da caffè manuale richiede una particolare precisione e concentrazione da parte dell’utilizzatore.

La particolarità di queste macchine è quella di non avere componenti elettroniche ed automatizzate; ciò significa che la sua usura è molto bassa, dato che la meccanica che la costituisce è generalmente frutto di un processo artigianale, mentre la scelta di materiali di altissima qualità, aiuta a mantenere le sue prestazioni costanti nel tempo. Pertanto chi cerca una macchina caffè senza capsule o senza cialde non può che essere affascinato da questo modello vintage.

Negli anni le macchine a leva sono cadute in disuso, poiché la nuova tecnologia ha reso il processo di estrazione del caffè un operazione più semplice e più efficiente dal punto di vista energetico.

L’elemento di grande fascino e riconoscibilità, che caratterizza le macchine da caffè manuali, è la lunga leva, che serve a fornire la pressione necessaria per pompare l’acqua nel filtro ed estrarre un espresso a regola d’arte.

Esistono principalmente 2 categorie di macchine da caffè a leva:

  • Macchina a pistone con molla:
    in questo apparecchio il movimento della leva viene supportato da una molla, la quale facilità il processo di estrazione, aumentando la potenza della pressione. Un aspetto negativo riguarda il tempo di estrazione, che non può essere controllato con la forza del braccio, poiché viene guidato prevalentemente dalla molla stessa. Questi modelli sono generalmente più costosi dato che hanno una complessità meccanica superiore. La macchina a leva con molla è indicata per i principianti, poiché si può arrivare a padroneggiarla con meno pratica e fatica.
  • Macchina a pistone senza molla:
    è la macchina per espresso dotata del meccanismo più stabile e semplice, dove la corretta pressione viene esercitata esclusivamente dalla forza del braccio. Questi modelli sono conosciuti anche come macchine ad estrazione diretta, poiché il controllo sul processo è totale. In questo caso, infatti, l’utente potrà gestire in piena autonomia il tempo di estrazione, determinando il corpo e l’intensità del caffè. L’unica nota negativa riguarda la difficoltà di utilizzo e il lungo tempo di apprendimento per conseguire una tecnica che dia buoni risultati.
Una particolarità della macchine manuali è l’acqua utilizzata, la quale è sempre pulita, poiché confluisce direttamente dalla caldaia in un solo verso, a differenza delle macchine automatiche che possono invece presentare residui di caffè esausto nel serbatoio. Come risultato, il condotto che attraversa l’acqua rimane pulito, senza intasamenti, mentre la qualità del caffè si mantiene costante tazzina dopo tazzina.

Tutte le macchine di questa tipologia sono dotate di una caldaia, un cilindro e un pistone.

Su Amazon è possibile trovare gli eccellenti modelli dell’italiana Pavoni:

L'ultimo aggiornamento è stato fatto il: 11/02/2021 22:35

Per quanto possa sembrare assurdo, una macchina da caffè manuale può essere associata alla struttura di un motore a scoppio. A conferma di ciò, l’ingegnoso Rulof Maker ha realizzato in questo video una versione di quella che possiamo definire una macchina da caffè a pistone, ricavata dal motore di una motocicletta:

Caffettiera a Leva • Fai da Te riciclando un Motore

Scopri di più: la guida alle migliori macchine del caffè del 2022

Marcello Brunaldi

Marcello Brunaldi

Marcello è un Web Content Editor, autore del portale Nnhotempo.it. Si occupa di recensioni online, guide all’acquisto e test di prodotti. In passato ha svolto il ruolo di formatore e consulente in comunicazione e marketing digitale.

Nnhotempo.it ⏱️
Logo